News

Know about market updates

La casa in leasing come l’auto. Come funziona il leasing immobiliare

La Legge di Stabilità 2016 ha esteso il leasing immobiliare alle persone fisiche, fissandone regole e principi. La casa quindi si compra come l’auto, in leasing. Ecco come funziona.

La Legge di Stabilità 2016 pone l’accento ancora una volta al contesto sociale ed economico sfavorevole in ambito immobiliare. E lo fa cercando di soddisfare le esigenze di chi vuole accedere alla proprietà di un’abitazione, introducendo il leasing immobiliare anche per i privati.

Cos’è e come funziona il leasing immobiliare?

Il leasing immobiliare è una forma di finanziamento che permette a chi desidera di acquistare la proprietà di un’immobile di farlo gradualmente pagando rate periodiche e riscattando la proprietà dell’immobile stesso con una maxi rata finale.

Così come il leasing per le automobili, che consente una rateizzazione del valore della macchina e il riscatto della stessa attraverso una cospicua rata finale, anche il leasing immobiliare prevede che alla scadenza del contratto di locazione, il locatario possa chiedere la prosecuzione del contratto o rinunciare definitivamente all’acquisto.

Chi decide quindi di usufruire di questa forma di finanziamento stipulerà un contratto di leasing con la banca o l’istituto che possiede l’immobile firmandol’obbligazione ad acquistare il bene. Da qui inizierà a versare un canone mensile di locazione decidendo poi se acquistare l’immobile a fine locazione avvalendosi dell’obbligazione sottoscritta e del prezzo pattuito.

I vantaggi fiscali del leasing immobiliare

Per questo tipo di contratto volto all’acquisto della prima casa, la Legge di Stabilità 2016 riconosce una detrazione irpef al 19% dei “canoni e relativi oneri accessori” e del “costo di acquisto a fronte dell’esercizio dell’opzione finale”.

  • Per giovani under 35 e con un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro e che non siano già titolari di una o più proprietà di immobili abitativi, la detrazione sarà del 19% su un importo massimo di 8000 euro annui per i canoni di locazione e di 20.000 euro sull’opzione di riscatto dell’immobile.
  • Per gli over 35 le detrazioni sono di 4.000 all’anno per i canoni e 10.000 euro per il costo di acquisto esercitando l’opzione di riscatto dell’immobile.

È prevista poi un’aliquota ridotta dell’imposta di registro proporzionale pari all’1,5%

Gli altri vantaggi del leasing immobiliare

Il leasing immobiliare è una forma di finanziamento abbastanza elastica: grazie alle sue caratteristiche infatti, non sono previste spese di istruttoria, iscrizioni di ipoteche e spese notarili – fino a che non si viene in possesso della proprietà dell’immobile.

Inoltre, al verificarsi di determinate situazioni come la cessazione del rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato, il leasing immobiliare permette la sospensione del pagamento dei canoni, non più di una volta e per un periodo massimo totale non superiore ai 12 mesi

Mutuo o leasing immobiliare?

Il leasing immobiliare è certamente una formula di finanziamento più accessibile e flessibile rispetto ad un mutuo che prevede rigidi requisiti. È certamente vero che è una formula ancora poco nota e diffusa, soprattutto in questo momento in cui i tassi dei mutui sono ai minimi storici.

 

 

Fonte: CASA.IT

Lascia un commento